15 consigli che devi conoscere sulle unghie

Date un’occhiata da vicino alle vostre unghie: hanno un aspetto forte e sano? Oppure riuscite a distinguere sporgenze, zone ammaccate o aree di colore o forma insolita? Molti difetti delle unghie, tutt’altro che desiderabili, possono essere evitati seguendo alcune semplici consigli, invece altri sono indice di malattie che è necessario curare.

Le unghie, composte da lamine sovrapposte di una proteina detta cheratina, partono dalla zona alla base, che si trova sotto la cuticola. Quando le nuove cellule crescono quelle vecchie si induriscono e si compattano, alla fine vengono spinte in avanti verso la punta del dito.

Le unghie sane sono lisce, senza sporgenze né incavi. Hanno colore e consistenza uniforme e sono prive di macchie. Possono soffrire di disturbi non gravi, come le scanalature verticali che partono dalla cuticola e raggiungono la punta e diventano più evidenti con l’andare degli anni. Nelle unghie si possono anche formare linee o macchie bianche dovute a lesioni, che alla fine però scompaiono da sole quando l’unghia cresce e viene tagliata.

Ricordiamo però che non tutti i disturbi sono normali, alcuni sono sintomi di malattie che devono essere curate. È opportuno andare dal medico se si notano questi cambiamenti delle unghie:

  • Colorazione giallastra,
  • Distacco dell’unghia dal letto ungueale (onicolisi),
  • Tacche che attraversano l’unghia in diagonale (linee di Beau),
  • Unghie infossate,
  • Unghie opache o bianche,
  • Unghie frastagliate.

Consigli

Non esiste nessun prodotto per la cura delle unghie in grado, da solo, di regalarvi delle unghie sane; seguendo però questi semplici consigli è possibile far sì che le unghie si presentino sempre con un aspetto il più curato possibile:

  1. Non usate le unghie come attrezzi. Per prevenire i danni alle unghie, non usatele come attrezzi per graffiare, per spingere o per far leva.
  2. Non mangiatevi le unghie e non strappatevi le pellicine (cuticole). Queste abitudini possono danneggiare il letto ungueale. Anche i piccoli tagli sui lati delle unghie possono permettere ai batteri e ai funghi di penetrare e causare un’infezione (paronichia).
  3. Tenete le unghie asciutte e pulite. In questo modo impedirete ai batteri, ai funghi o ad altri microrganismi di proliferare sotto le unghie. Pulite le unghie con regolarità e asciugate bene le mani e i piedi dopo aver fatto il bagno o la doccia. Se le mani rimangono a contatto con saponi o detersivi per molto tempo, indossate i guanti.
  4. Tagliate e limate le unghie regolarmente. Tagliate le unghie senza arrotondarle sui lati e limate le zone ispessite. Usate le forbicine o i tagliaunghie da manicure e la limetta per limare i bordi. È più facile e più sicuro tagliare e limare le unghie dopo aver fatto il bagno o dopo aver bagnato le mani.
  5. Non strappate mai le pipite, cioè le pellicine intorno alle unghie, perché così facendo lacerate quasi sempre parti di tessuto vitale. Piuttosto tagliatele o limatele via, con una leggera angolazione verso l’esterno.
  6. Indossate scarpe comode. Le scarpe che premono troppo sulle dita o le stringono troppo possono far incarnare le unghie nella pelle che le circonda.
  7. Idratate frequentemente le unghie. Le unghie hanno bisogno di idratazione, proprio come la pelle. Mentre applicate la crema idratante sulle mani, datene un po’ anche sulle unghie, ovviamente dopo aver tolto lo smalto.
  8. Non trascurate i problemi. Se un’unghia ha un problema che non accenna a scomparire oppure sembra collegato ad altri segni e sintomi andate dal medico per farlo controllare.

Considerazioni speciali: la manicure e le unghie fragili

Se siete solite ricorrere alla manicure per migliorare l’aspetto delle unghie, ricordate alcuni semplici accorgimenti: non fatevi togliere le cuticole, perché rimuovendole si possono creare infezioni alle unghie. Inoltre controllate che l’estetista sterilizzi correttamente tutti gli strumenti usati per la manicure; gli strumenti non sterilizzati, infatti, potrebbero trasmettere i lieviti o i batteri responsabili delle infezioni.

Le unghie fragili o che si spezzano facilmente possono essere molto difficili da rafforzare. I consigli seguenti vi aiuteranno a rinforzarle, e diminuiranno la probabilità di rottura o di scheggiatura:

  1. Tenete le unghie corte, di forma quadrata e leggermente arrotondate sulla punta. Tagliatele dopo aver fatto il bagno o dopo aver immerso per un quarto d’ora le mani in acqua saponata. Poi applicate una crema idratante.
  2. Idratate le unghie e le cuticole diverse volte al giorno, dopo aver bagnato le mani; inoltre prima di andare a dormire applicate una lozione idratante e coprite le mani con guanti di cotone.
  3. Applicate uno smalto indurente, ma evitate i prodotti che contengono toluene sulfonamide o formaldeide. Queste sostanze chimiche, infatti, possono causare rossore o irritazione della pelle.
  4. Usate lo smalto. Uno strato sottile di smalto può contribuire al mantenimento dell’idratazione delle unghie. Toglietelo e riapplicatelo al massimo una volta alla settimana.
  5. Non usate il solvente per unghie più di una volta alla settimana. Quando dovete togliere lo smalto evitate i solventi che contengono acetone, perché fanno seccare le unghie.
  6. Assumete un integratore di biotina. Assumere 2,5 milligrammi di biotina al giorno può aumentare lo spessore delle unghie.
  7. Le modifiche della dieta che vengono consigliate per rafforzare le unghie non hanno alcuna utilità. A meno che siate malnutrite, cioè non assumiate la giusta quantità di sostanze nutritive adeguate con l’alimentazione, assumere integratori multivitaminici ogni giorno non serve a nulla per rafforzare le unghie. Anche assumere integratori di gelatina o mettere a bagno le unghie nella gelatina è inutile.

L’incuria delle unghie è più frequente di quanto sembri, però, seguendo i nostri semplici consigli, potrete fare molto per avere unghie in perfetta forma.

fonte:www.farmacoecura.it

132-ricostruzione unghie2[1].jpg

15 consigli che devi conoscere sulle unghieultima modifica: 2013-04-29T16:37:04+02:00da americansworld
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento