Ernia del disco: sintomi, cause, cure ed esercizi utili

 L’ernia del disco consiste nella fuoriuscita del nucleo del disco intervertebrale dall’anulus, la parte esterna del disco stesso. Le ernie di questo tipo più frequenti sono quelle lombari, ma anche quelle cervicali e quelle dorsali si caratterizzano per una certa incidenza. È da ricordare che tutte le età possono essere interessate dal disturbo.

SINTOMI DELL’ERNIA DEL DISCO


I sintomi dell’ernia del disco possono essere distinti in base al punto in cui l’ernia è localizzata. Vediamo quali possono essere alcuni dei possibili sintomi, ricordando che comunque che alcune ernie del disco possono essere caratterizzate anche dalla mancanza di sintomi specifici.


SINTOMI ERNIA LOMBARE

  • dolore lombare
  • lombo-sciatalgia
  • disturbi della sensibilità e della motilità
  • disturbi sessuali
  • disturbi sfinterici
  • difficoltà a stare in piedi per troppo tempo



SINTOMI ERNIA DORSALE

  • dolore dorsale
  • disturbi sfinterici
  • disfunzioni sessuali
  • dolore intercostale
  • disturbi relativi alla sensibilità e alla motilità



SINTOMI ERNIA CERVICALE

  • dolore cervicale
  • dolori precordiali e scapolari
  • disturbi della sensibilità e della motilità
  • cervico-brachialgia
  • disturbi sessuali
  • disturbi sfinterici


CAUSE DELL’ERNIA DEL DISCO


Nella formazione dell’ernia del disco è stato possibile individuare un ruolo non irrilevante svolto daifattori genetici, che implicano una predisposizione familiare. In ogni caso ci sono diversi fattori che possono incidere, attivando la predisposizione genetica. Fra questi fattori possiamo ricordare.

  • fumo
  • sovrappeso
  • carichi eccessivi
  • posture scorrette
  • traumi vertebrali
  • lesioni vertebrali
  • stress
  • deficit muscolari
  • sollevamento di carichi in modo scorretto



CURE DELL’ERNIA DEL DISCO


Nella fase acuta di dolore si può fare ricorso agli antinfiammatori. In ogni caso le terapie per il trattamento della patologia possono essere di diverso genere, soprattutto se si vogliono evitare le recidive. Naturalmente ognuno dovrebbe scegliere la terapia più adatta, tenendo conto anche delle risposte individuali al tipo di cura messo in atto. Fra le possibili cure per l’ernia possiamo segnalare:

  • interventi chirurgici anche mini invasivi
  • fisioterapia
  • chiroterapia
  • trattamento osteopatico
  • trazioni lombari
  • massaggi
  • ginnastica specifica
  • agopuntura





ESERCIZI UTILI 

 

La pratica di alcuni esercizi può essere utile per rilassare i tessuti, i muscoli e le vertebre. In ogni caso gli esercizi dovrebbero essere eseguiti sulla base delle indicazioni di un esperto. Vediamo qualche esempio.

  • Seduti a terra, si deve cercare di arrivare a toccare le punte dei piedi.
  • A pancia in giù, facendo leva sulle braccia, si deve portare una gamba all’altezza del petto, muovendosi in avanti. Ideale per stirare i glutei e i muscoli del bacino e delle prime vertebre.
  • Da seduti si deve abbassare il busto fino ad abbracciare le ginocchia.
  • Sdraiati a terra a pancia in su, si devono alzare le gambe e, prendendole con le mani, si devono piegare lentamente sul petto. Utile per stirare la parte bassa della schiena.

ghj (9).png
Ernia del disco: sintomi, cause, cure ed esercizi utiliultima modifica: 2012-05-25T18:19:00+02:00da americansworld
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Ernia del disco: sintomi, cause, cure ed esercizi utili

    • beata te perché io
      ho un’ernia del disco, ma è recidiva perché la prima volta mi operai nel 2004, ed ora comincio ad avere problemi con la schiena, ma avendo avuto anche 2 infarti hanno paura ad operarmi casomai ci fosse qualche complicanza.
      uffa, peccato che non ci sia altro rimedio (credo)

    • ozono terapia la prima volta, con 5 sedute ho tolto completamente il dolore; la seconda volta dopo 2 anni orizzontalterapy prima che il dolore sia troppo invasivo, tolto completamente il dolore con 10 sedute assolutamente indolori. Ora mantenimento del tono muscolare con ginnastica posturale almeno 2 volte alla settimana e camminate camminate camminate.

  1. E’ interessante questo sito! Queste informazioni possono aiutarci, io per esempio ho fatto un incidente a gennaio nel 2012 e ho riportato multi fratture alle vertebre D7, D8 E D9… dopo mesi di riposo forzato a letto (per fortuna niente operazioni…finora…) ho iniziato a fare la fisioterapia in palestra e esercizi a casa consigliato dal medico ma, non ho avuto cosi tanto beneficio come con la FKT (fisiokinesioterapia) in acqua, a fare esercizi in piscina convenzionata in ospedale (acqua calda). Prima non ho fatto altri interventi riabilitativi che questi anche perchè mi sconsigliavano di fare pressioni sulla colonna vertebrale (massaggi, agopunture, ecc.) ma ora penso che potrei iniziare a praticarlo perchè le fratture si sono consolidate e la muscolatura ha recuperato un po, anche se il dolore e sempre presente. Inoltre, aggiungerei che acqua termale o fango fa molto bene, in questo caso, alla colonna vertebrale. Se qualcuno che ha più esperienza ha da consigliarmi qualcosa che dovrei fare per migliorare il benessere gli sarei grato.

  2. Anche io ho sofferto per ben 2 volte di ernia lombare, con dolori atroci di scatalgia, causati anche da un osteofita. Dopo aver fatto inutilmente massaggi, aver assunto cortisone e tanti andilorofici, mi hanno proposto di provare con l’ozonoterapia e finalmente il dolore è scomparso gradatamente anche se permane, purtroppo poca sensibilità nella gamba sinistra.

  3. Ho 27 anni e soffro da parecchi anni di ernia al disco, inoltre è da 6 mesi che soffro di disturbi all’intestino e dolori alle gambe assurde, molto probabilmente dovuti all’ernia. Inoltre, questi dolori scompaiono quando mi ritrovo in acqua o indosso il busto. Il dott. mi ha consigliato l’ozono terapia, sono andata per parecchi anni dall’osteopata e ho effettuato degli esercizi in acqua che inevitabilmente mi hanno dato sollievo. Ho visto che molti di voi hanno fatto sedute di ozono, potete delucidarmi sugli effetti e sulla dolorosità del trattamento? anche se.. ovviamente preferirei il dolore di una mezz’ora che il dolore alla schiena, glutei, gambe e intestino perenni. Grazie in anticipo.

Lascia un commento