Impacco anti-cellulite

La cellulite, che sia di origine ormonale o genetica, è sempre molto difficile da far andar via: deve essere combattuta quotidianamente, e non solo prima della prova costume!

La soluzione: Un impacco anti-cellulite e dei massaggi con un olio fatto in casa che previene la ritenzione idrica e riduce l’aspetto a buccia d’arancia.

Gli ingredienti: 

  • Per l’olio Un flacone da 50ml 
  • 12 cl d’olio di mandorle dolci
  •  5 gocce di olio essenziale di pompelmo 
  • 5 gocce di olio essenziale di lavanda 
  • Alcune gocce di infuso di foglie di edera 

 Per l’infuso

  • Una pentola
  •  Un mixer 
  • 10 foglie di edera 
  • 5 gocce d’olio di mandorle dolci

La ricetta: Immergi le foglie d’edera in un bicchiere di acqua bollente e fai cuocere per 20 minuti. Spegni la fiamma e lascia riposare per 20 minuti. Raccogli le foglie e mixale con le gocce di olio di mandorle dolci. Metti da parte il liquido rimanente. Mescola l’olio di mandorle dolci con l’olio essenziale di pompelmo, l’olio essenziale di lavanda e 5 gocce di infuso di edera. Applica le foglie di edera mixate sulla cellulite e lascia in posa per 30 minuti. Sciacqua e poi applica il composto di oli essenziali. Fai penetrare con un buon massaggio.

Immagine 008.png

Maschera al kiwi

Il kiwi è duttilissimo.

Spremete i kiwi, per il viso ne stano due ben maturi, e aggiungete un cucchiaino di miele, meglio se di acacia che non cristallizza, (se la pelle è grassa aggiungete al composto un cucchiaio di argilla verde o bianca), ed ecco pronta una maschera rigenerante per il viso, da lasciare in posa per 15 minuti.

Immagine 053.png

Maschera all’albicocca

Questo impacco è molto estivo!

Prendete tre albicocche grandi e mature, amalgamate le tre polpe e stendetele sul viso. Massaggiate delicatamente e poi lasciate l’impacco in posa per 15 minuti.

Se volete un effetto rinfrescante, prima iniziare la preparazione della maschera, mettete le albicocche in frigorifero per mezza giornata. La maschera è delicata e va bene per tutti i tipi di pelle, da colore al viso e contrasta il grigiore dell’inverno appena concluso.

Immagine 006.png

maschera all’arancia

Non è indicata per pelli delicate e particolarmente sensibili.

Prendete un’arancia, meglio se rossa, spremetene una metà e dall’altra carpitene la polpa. Unite succo e polpa, aggiungete un cucchiaino di farina, meglio se integrale, e yogurt denso, generalmente basta e avanza la quantità contenuta in un vasetto. Stendete sul viso e lasciate agire per 15 minuti.

Questa maschera è un composto antirughe e va bene per dare vitalità e ravvivare la pelle stanca.

Immagine 004.png

Maschera alla fragola

Contiene vitamine, riattiva la circolazione, rassoda i tessuti. Indicata per pelli grasse, flaccide.

Preparazione: Schiacciare due o tre fragole mature e applicatele, ripassando bene in tutti i punti. Serve per ridare colorito a una carnagione pallida, per rassodare un’epidermide che tende ad afflosciarsi.

Immagine 028.png

Per schiarire la pelle “Lemon Rub”

Questa vecchia ricetta inglese non è destinata a una pulizia quotidiana della pelle: si adopera piuttosto a intervalli di circa 15 giorni per schiarire e raffinare la carnagione. Spalmate il composto ottenuto sul viso ben pulito e frizionate con movimenti circolari, facendo attenzione a non graffiare la pelle, per circa 5 minuti. Risciacquate con abbondante acqua calda.

Ingredienti:

  • 2 limoni interi 
  • 1 cucchiaio di puro olio vegetale 

Procedimento:

Prima lavate i limoni con acqua molto calda, spazzolateli energicamente, e asciugateli bene . Grattugiate tutta la scorza e lasciate asciugate su un panno. Quindi l’olio vegetale alla scorza già seccata ottenendo una poltiglia.

Immagine 000.png

La Dieta dell’Acqua: Dimagrire combattendo la Cellulite

È ormai risaputo che bere tanta acqua fa bene all’organismo, lo depura permettendo di eliminare le scorie e le tossine in eccesso e dona nuova bellezza alla pelle contrastando i fastidiosi inestetismi della cellulite. Quello che si sa un po’ meno è che per depurarsi davvero, perdere peso e donare nuova tonicità alla pelle non basta bere un litro e mezzo d’acqua al giorno ma è necessario seguire un regime alimentare ipocalorico che fornisca, attraverso gli alimenti, altra acqua.

La dieta dell’acqua, nota proprio per la scelta di alimenti ricchi di liquidi da fornire al nostro organismo per depurarlo, vi permetterà di perdere 2 Kg in una sola settimana. Una dieta, insomma, davvero molto utile quando si ha bisogno di perdere qualche chiletto in eccesso, magari in vista delle vacanze e della prova bikini, e non si ha molto tempo a disposizione.

Ma partiamo subito per capire come seguire questa dieta nel migliore dei modi ed ottenere così il risultato sperato. La prima colazione, uguale per tutti i giorni, prevede un bicchiere di succo di pompelmo, una tazza di latte scremato ed una macedonia di frutta fresca.

Il pranzo, invece, può prevedere a scelta pietanze come verdure fresche condite con un cucchiaino d’olia, tre fettine di mozzarella e 3 fette di pane di soia oppure quattro fette di prosciutto crudo senza grasso accompagnate da una fetta di pane integrale che non superi i 30 grammi e minestra di verdura con due cucchiai di pasta oppure ancora 50 grammi di pasta col pomodoro, un secondo con 120 grammi di bresaola e 30 grammi di pane integrale.

Per la cena, invece, via libera al pesce con un filetto di merluzzo al vapore accompagnato da fagiolini conditi con un cucchiaino di olio d’oliva oppure una sogliola al vapore o al cartoccio con crema di pomodoro ed un panino di cereali o una fetta di pesce spada ai ferri con passato di verdure e pane ai cereali.

Qualora non si desideri mangiare pesce tutte le sere, si potrà scegliere di alternare con carne bianca ai ferri da accompagnare ad uno dei contorni già previsto dalla dieta. Importante, infine, tenere sotto controllo i condimenti non solo quando c’è da condire la verdura ma anche nella preparazione dei sughi. Unite inoltre a questo regime alimentare attività fisica moderata (basta anche una passeggiata di mezz’ora al giorno) ed un litro e mezzo di acqua povera di sodio.

Immagine 000.png