Semi di zucca: 10 proprieta’ benefiche

semi di zucca, nonostante le loro piccole dimensioni, possono essere considerato come un alimentoricco di proprietà benefiche e come uno spezzafame salutare, da sostituire ai classici snack confezionati.

Ecco le loro 10 principali proprietà benefiche.I semi di zucca sono benefici per il cuore, ci aiutano a garantirci un buon riposo notturno ed unabuona salute generale. Possono essere consumati crudi oppure tostati in forno a temperatura non troppo elevata per 15-20 minuti. Sono ottimi anche caldi e possono essere conditi con un pizzico di sale marino integrale. Possono essere acquistati già tostati, scegliendoli preferibilmente biologici, nei negozi di prodotti naturali.

1) Buon riposo

semi di zucca presentano un elevato contenuto di triptofano, un aminoacido precursore dellaserotonina, che contribuisce ad assicurarci non soltanto di vivere le nostre giornate all’insegna del buonumore, ma anche ad aiutarci a godere di un buon riposo nelle ore notturne, in modo da recuperare tutte le energie necessarie per affrontare gli impegni della giornata seguente.

2) Cuore e relax

Tra i componenti nutritivi presenti nei semi di zucca vi è il magnesio, un elemento che contribuisce a regalare al nostro organismo una sensazione di relax. Il magnesio è infatti considerato come una sostanza naturalmente calmante e rilassante, oltre ad essere ritenuto benefico per la corretta attività cardiaca.

3) Equilibrio

I semi di zucca presentano un contenuto da non sottovalutare di proteine altamente digeribili che contribuiscono a mantenere regolari i livelli di zuccheri nel sangue quando essi vengono consumati nel corso della giornata come snack. Mantenere i livelli degli zuccheri stabili può essere fondamentale quando si cerca di perdere peso. Ecco perché i semi di zucca sono spesso consigliati anche a chi segue una dieta dimagrante.

4) Omega3

I semi di zucca contengono acidi grassi essenziali omega3, fattore che li rende una fonte vegetale preziosa di questi elementi. La loro presenza permane in un alimento estratto da essi a freddo: l’olio di semi di zucca. Esso potrebbe rivelarsi d’aiuto nella cura di pazienti affetti da ipertrofia prostatica benigna, come suggerito da uno studio scientifico pubblicato nel 2009.

5) Zinco

Il contenuto di zinco dei semi di zucca li rende un alimento adatto ad essere consumato da parte della popolazione maschile, in quanto tale minerale è ritenuto in grado di svolgere un’azione protettiva nei confronti della prostata. L’assunzione di alimenti contenenti zinco è inoltre consigliata alle donne in gravidanza e a coloro che desiderano tenere sotto controllo i livelli di colesterolo.

6) Ferro

I semi di zucca, insieme a legumi come le lenticchie, i fagioli ed i ceci, possono essere considerati come una fonte vegetale di ferro. Assumerli come spuntino potrà contribuire a contrastare i cali di energia lungo il corso della giornata. I semi di zucca tostati possono sostituire in maniera salutare i classici snack acquistati al supermercato.

7) Proprietà antinfiammatorie

I semi di zucca sono considerati come un vero e proprio antinfiammatorio naturale, dal potere quasi medicinale. La loro assunzione può quindi contribuire ad attenuare gli stati infiammatori del nostro organismo. In alcuni casi possono aiutare a combattere irritazioni e gonfiori senza gli effetti collaterali tipici dei medicinali.

8) Fitosteroli

Essi sono al terzo posto della classifica dei semi e della frutta secca a maggior contenuto di fitosteroli. Vengono infatti superati da parte di semi di girasoli e di pistacchi, ma restano comunque una fonte da non sottovalutare. Tale caratteristica li rende in grado di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue.

9) Benessere intestinale

I semi di zucca contengono una parte di quelle fibre vegetali da inserire nella nostra alimentazioneaffinché il nostro intestino possa funzionare in maniera regolare. La loro assunzione è dunque particolarmente indicata a coloro che presentano problemi da questo punto di vista e che desiderano ritrovare il proprio equilibrio.

10) Regolazione del pH

I semi di zucca contribuiscono ad alcalinizzare il pH dell’organismo. L’eccessiva acidità provocata dall’assunzione di alcuni alimenti (come carne, zuccheri e dolciumi, farina 00 e derivati) è stata correlata all’insorgere di stati dolorosi ed infiammatori. Altri cibi alcalinizzanti sono le verdure, con particolare riferimento a quelle che è possibile consumare crude.

Immagine 2.png

Fonte: Greenme.it

Alimenti per una dieta ricca di calcio e ferro

 

Le lenticchie sono ricche di ferro. In realtà, questo alimento vegetale oltre a essere ricco di ferro contiene anche molto fosforo. Il suo apporto nutrizionale fa sì che 100 g di lenticchie equivalgano a 160 g di pane integrale o di carne.

Le lenticchie sono un’eccellente fonte di ferro con i loro 9 mg ogni 100 g

spinaci: Gli spinaci, un alimento d’origine vegetale, contengono 2.7 mg di ferro per ogni 100 g. La quantità di ferro presente negli spinaci non è disprezzabile, anche se altri alimenti di origine vegetale hanno livelli di ferro simili o in altri casi superiori a quelli degli spinaci. È il caso di alimenti vegetali come il prezzemolo, le alghe, i semi di sesamo, il cavolo e la maggior parte delle verdure con foglia verde scura.

semi di girasole: I semi di girasole hanno un alto valore nutrizionale, La quantità di ferro presente nei semi di girasole è di 8,9 mg per ogni 100 g.

Oltre alla loro ricchezza in ferro, si tratta di un alimento molto nutitrivo che previene problemi al cuore, al cervello e aumenta le difese.

ceci: I ceci sono dei legumi ricchi di ferro che è tre volte maggiore rispetto al ferro presente nella carne.

100 g di ceci contengono 6,7 mg di ferro.

lenti.png