Melatonina per favorire il sonno e dormire meglio

La melatonina è un ormone prodotto dal nostro organismo che agisce regolando ed alterando il ritmo sonno-veglia; la sua secrezione (produzione) è regolata dall’alternarsi di luce e buio, aumentando fisiologicamente la sera per poi tornare a diminuire la mattina.

La produzione è massima durante la prima infanzia, per poi diminuire gradatamente a partire dai 20 anni in poi fino a scomparire nell’anziano.

Diversi studi hanno ne hanno dimostrato l’efficacia nel ridurre gli effetti del jet-lag (disturbo che si verifica quando si attraversano vari fusi orari come avviene nel caso di un lungo viaggio in aereo) iniziando il giorno della partenza e continuando fino a 3-4 giorni con l’assunzione sempre alla stessa ora.

L’uso della melatonina nei disturbi del sonno consente con piccole dosi (di norma 3 mg) di favorire l’addormentamento e prevenire, o quantomeno diminuire, i risvegli notturni.

Se ne consiglia l’assunzione prima di coricarsi.

Vai-a-dormire-prima.jpg

consiglio per l’insonnia

Le ore di riposo e la qualità del sonno sono caratteristiche molto soggettive, che cambiano da persona a persona e possono subire un’evoluzione in relazione all’età o per l’influenza di fattori ambientali e sociali: vivere e dormire in un posto inospitale o sgradito, infatti, diminuisce la quantità e la qualità del sonno. 

Chi svolge lavori stressanti o di grande responsabilità, dorme generalmente di meno, anche a causa delle maggiori preoccupazioni.
Dormire poche ore, di per sé, non è un problema: ciascuno dorme in base alle sue necessità. Ma se una persona riesce a dormire solo per un numero di ore minore rispetto a quello che sente come necessario, allora con il tempo accumulerà un “debito di sonno” sempre più ingente, in grado di influenzare la sua attività quotidiana, il suo umore e la qualità della sua vita. 

 

Il sonno è quindi, per l’organismo, un momento essenziale di riposo e di benessere: favorisce infatti tutti i processi di rigenerazione e crescita e permette di fissare nella memoria le esperienze fatte durante la veglia. 
Dormire bene è importantissimo e per migliorare la qualità del sonno ecco una serie di regole da seguire:
andare a dormire ogni sera e alzarsi ogni mattina alla stessa ora, anche durante il fine settimana, e indipendentemente da quanto si è dormito di notte;
se apriamo gli occhi prima che suoni la sveglia, alzarsi dal letto e iniziare la propria giornata;  non dormire di più la mattina, se si è dormito poco di notte;
 non fare “pisolini” durante il giorno;
 andare a letto solo quando si è assonnati;
 se non si riesce a dormire, è preferibile non rimanere a letto: meglio alzarsi e dedicarsi ad attività rilassanti;
 cercare di rilassarsi il più possibile prima di andare a letto;
 se si ha fame all’ora di andare a dormire, mangiare qualcosa di leggero, per evitare problemi di digestione; 
 dormire in un letto comodo, in una camera da letto protetta quanto più possibile dai rumori, ad una temperatura ambiente corretta;
mangiare ad orari regolari, evitando pasti abbondanti in prossimità dell’ora di andare a letto;
non bere bibite contenenti caffeina o alcolici prima di coricarsi e non fumare;
 fare con regolarità un’attività fisica durante il giorno, soprattutto di pomeriggio.

fonte:ipsico

insonnia,dormire,rimedi naturali