Gli effetti fisiologici della pappa reale


Somministrata per via orale in un periodo di 1-2 mesi, tramite deglutizione o dissoluzione sublinguale in dosi di 200-500 mg, la pappa reale agisce come tonico e stimolante, con effetti euforici sulla persona sana.

Coloro che hanno consumato questo prodotto hanno dichiarato di aver sperimentato una sensazione generale di benessere (avvertita a livello di forma fisica – resistenza alla stanchezza, migliori prestazioni intellettuali – maggiori capacità di apprendimento ed una memoria migliore) e hanno registrato effetti diretti sullo stato mentale (più fiducia nelle proprie forze, stato di benessere ed euforia). 

In altre parole, per la persona sana la pappa reale agisce come stimolante generale, migliora la risposta immunitaria e le funzioni generali dell’organismo. Tra i benefici più comunemente riscontrati da chi consuma regolarmente la Pappa Reale, si possono citare le proprietà rivitalizzanti generali, antifatica, stimolanti la crescita, antianemiche a livello senile, eupeptiche, stimolanti l’appetito, stimolanti l’umore, euforizzanti, equilibranti il sistema neurovegetativo e psichico, immunomodulatorie, antibatteriche, epatoprotettive, antiipertensive, ipolipemiche, rivitalizzanti ed antiasteniche.

pappareale.jpg

Litchi: Proprietà e Benefici curative

Il litchi ( o litchis) è un frutto esotico originario della Cina e appartenente alla famiglia delle Sapindacee il cui albero può raggiungere l’altezza di 30 metri con foglie lunghe sempreverdi. I frutti del litchi crescono in grappoli e giungono a maturazione nel tardo periodo autunnale; esistono molte varietà di litchi, più di 40 e, a seconda del tipo cambia il colore della buccia e della polpa.
Cina ed India sono attualmente i maggiori produttori mondiali di questo frutto particolare, mentre in Italia, per ora, esistono solo alcune coltivazioni al sud.
Il litchi viene anche chiamato col nome di uva cinese o ciliegio cinese, ha forma ovale ed è ricoperto da una sottile crosta verde quando acerbo e rossa quando matura; all’interno sotto alla polpa bianca, troviamo un grosso nocciolo simile a quello delle nespole.

Le principali sostanze contenute nel litchi sono costituite da minerali come potassio, rame, magnesio, fosforo, e calcio; sono presenti inoltre, proteine, vitamine appartenenti al gruppo B, acido nicotinico, fibre, carboidrati e zuccheri, oltre naturalmente all’acqua. Per quanto riguarda il suo valore calorico, 100 grammi di litchi forniscono circa 60 calorie.
 

Proprietà curative e benefici del Litchi

Le principali proprietà terapeutiche del litchi si devono soprattutto all’acido nicotinico in esso contenuto; infatti questa sostanza è in grado di dilatare i vasi sanguigni,  facilita la purificazione del sangue e allo stesso tempo è in grado di regolare numerose reazioni ossidative nelle cellule del nostro organismo, rendendosi così importante al fine della prevenzione di patologie come l’aterosclerosi. La presenza di minerali importanti come potassio e magnesio è utile per rafforzare e rendere più tonico il cuore e l’apparato circolatorio. In ultimo il litchi, grazie alle sue proprietà, può anche essere utile per prevenire la gastrite e per diminuire la percentuale di zucchero nel sangue, fattore, questo, molto utile a chi soffre di diabete.

La principale specie di litchi che meglio si presta alla coltivazione dalle nostri parti, parliamo sempre del sud Italia, è la “Mauritius”; Bengali questa pianta produce frutti che giungono a maturazione in primavera e nelle zone di origine ha una produzione che può raggiungere i 200 quintali per ettaro.

Il clima ideale per la coltivazione della pianta del litchi è quello tipico delle zone sub tropicali, con estati calde ed umide ed inverni secchi e non particolarmente rigidi; le piante più giovano soffrono molto il freddo e, qui in Italia, hanno bisogno di particolari attenzioni che, una volta cresciuta la pianta, possono venire abbandonate. Sono molto pericolose per la salute della pianta giovane, le abbondanti piogge nel periodo della fioritura e solo quando la pianta comincerà a diventare adulta, la sua coltivazione risulterà meno difficoltosa. Nella nostra zona mediterranea il periodo ideale per la semina è a fine Febbraio, periodo in cui le piogge sono solitamente abbondanti; la concimazione avviene per mezzo di azoto, fosforo e potassio ed è necessario, in estate, fornire sempre una buona quantità d’acqua alle piante.

Mr Loto

lychee.jpg


Melograno, proprietà e benefici

Il melograno è un frutto tipico della stagione autunnale: la sua forma, molto similare a quella di una mela rossa, contiene un’infinità di granelli dal sapore dolce e dal retrogusto aspro. Questo prodotto della natura viene definito anche “frutto della medicina”, vista la quantità di sostanze benefiche per il nostro organismo di cui è pieno: vitamine, fibre, zuccheri, flavonoidi, antiossidanti, oltre a molti principi attivi.

Questo frutto ha proprietà vermifughe: è utilissimo, infatti, contro il problema del verme solitario, un fastidio piuttosto acuto nell’uomo. Il melograno, però, contiene anche degli acidi, come l’acido ellagico (o tannino), che permette dicontrastare l’insorgenza della diarrea

Secondo studi recentemente condotti, sembrerebbe che il succo che se ne deriva sarebbe in grado di proteggere il cuore contro la formazione di placche aterosclerotiche e dialleviare i disturbi legati alla menopausa, come l’osteoporosi, l’artrite e la depressione.

Oltre ad essere efficare contro l’insorgenza dei tumori, il melograno riesce ad erigere una barriera protettiva contro l’Alzheimer, attaccando le proteine nocive.

L’apporto calorico? Davvero minimo: per ogni 100 grammi di grani si acquisiscono solamente 63 calorie.

Fonte: saporiericette.blogosfere.it

melograno21.jpg

The di betulla, una prevenzione contro le malattie cardiache

Il tè di betulla è un’ottimo aiuto contro le malattie cardiache: i suoi effetti, infatti, sono uguali a quelli dell’aspirina, ma senza effetti collaterali. Questa è l’opinione del naturalista Steve Brill che ha diffuso questa affermazione tramite “Nature’s Medicine Cabinet”, canale di Fox News.

Secondo Brill questa bevanda, ottenuta dalla betulla nera, riesce a ridurre i problemi di dolori muscolari grazie alle alte dosi di salicilato di metile che sono contenute al suo interno.

Il the di betulla avrebbe quindi due proprietà molto importanti: la prima è quella di prevenzione contro le malattie cardiache, mentre l’altra è di antidolorifico; Brill ha ricordato come, nel periodo della crescita dei denti, abbia dato un po’ di corteccia alla figlia: il gusto è stato subito apprezzato e il dolore svanito.

te-betulla-verde-malattie-cardiache.jpeg

Betulla – Proprietà curative e terapeutiche

La betulla è una pianta con molteplici proprietà benefiche per il benessere psico-fisico generale, utile per favorire la diuresi e pertanto è utile anche nel trattamento anticellulite. Betulla, quali proprietà possiede? La foglia della pianta di betulla possiede proprietà terapeutiche ebenefiche, le principali sono quelle diaforetiche e diuretiche.

La betulla oltre ad essere usata come una pianta ornamentale grazie al suo fogliame elegante, è usata anche nell’industria del mobile per il suo legname ed in erboristeria per il suo potere diuretico, drenante, antisettico ed antinfiammatorio.

 

Parte utilizzata:

  • foglia
  • corteccia
  • gemme

Costituenti principali della betulla (cosa contiene):

  • Foglia: flavonoidi (contenuto minimo: 1,5%): iperoside (2-3%), olio essenziale (1%): ossidi sesquiterpenici, tannini (leucoantocianidine), vitamina C (0,5% nelle foglie fresche), acido clorogenico e caffeico; resine, alcoli triterpenici (derivati del lupano: lupeolo, betulinolo, acido betulìnìco, e del dammarano), saponine
  • Corteccia: triterpeni e loro saponine: 10-14% betulina (canfora di Betulla), tannini

Attività principalidella betulla:

  • diuretica
  • depurativa
  • antisettica
  • antinfiammatoria

Impiego terapeutico della betulla per via delle sue proprietà benefiche e terapeutiche:

  • litiasi renale
  • renella
  • disturbi reumatici
  • gotta
  • cellulite

Le foglie fresche di Betulla sono più attive e ciò fa supporre che l’olio essenziale rinforzi l’attività diuretica.

È stata segnalata anche una notevole attività coleretica manifestata in modo particolare dalle gemme.

La foglia di Betulla si impiega nel reumatismo, nella gotta, nella litiasi renale (l’incremento della diuresi previene la formazione di renella) e come “lavaggio” nelle affezioni delle vie urinarie.

L’estratto fluido, acquoso e secco ottenuto dalle foglie avrebbe attività antibiotica.

È stato dimostrato che gli estratti di Betula pubescens L. possiedono proprietà antibatteriche contro lo Stafilococcus aureus.

Ledere ne preconizzò l’impiego nel trattamento della cellulite, caso nel quale favorirebbe l’eliminazione dell’acido urico e del colesterolo, cui seguirebbe l’eliminazione e la scomparsa dei noduli fibroconnettivali.

Infusi di betulla per la cura dei capelli:

Infusidi foglie di Betulla si usano, esternamente, contro la caduta dicapellimentre con la corteccia si preparano pediluvi utili contro il sudore profuso dei piedi.

La corteccia di betulla per la cura della pelle:

La corteccia ed il legno di Betulla danno per distillazione secca un catrame che viene utilizzato nella cura delle affezioni cutanee.

La betulla contro i reumatismi:

L’olio essenziale ottenuto dal catrame di Betulla si usa in pomata (8%) contro il reumatismo e può essere impiegato in prodotti per il massaggio sportivo.

Il carbone di betulla per ilmeteorismo:

Il carbone, finemente polverizzato, possiede azione assorbente per cui trova indicazione nelle affezioni
gastrointestinali accompagnate da meteorismo.

La betulla come antinfiammatorio naturale:

Da segnalare, in Gemmoterapia, la Linfa di Betulla (conosciuta anche come Betula verrucosa linfa) che contiene due eterosidi i quali liberano per via enzimatica salicilato di metile ad attività analgesica, antiinfiammatoria e diuretica.

La betulla e le sue proprietà curative adatte per molte piccole problematiche:

Nel trattamento dell’iperuricemia può essere considerata, infatti, rimedio di prima scelta, in quanto la sua assunzione regolare per due-tre mesi ne permette la riduzione del 20-30%: si riesce così ad ottenere una diminuzione del rischio non solo vascolare, ma anche articolare, sempre presente nell’iperuricemia.

Per l’aumentata attività diuretica che determina, può essere utilizzata infine nel trattamento della litiasi
urinaria. Viene segnalato l’uso topico nell’afte e l’uso topico e generale nella calvizie precoce.

Betulla per drenare e dimagrire:

La grande indicazione della linfa di Betulla è comunque quella riguardante il trattamento della cellulite ove riduce nettamente l’impastamento e la componente algica oltre a contrastare, grazie all’aumento della diuresi, la ritenzione idrica quasi sempre presente.

Per queste sue peculiarità e per l’attività ipocolesterolemizzante che la caratterizza, rientra negli schemi terapeutici del trattamento del sovrappeso.

Raccolta della linfa di betulla:

La Linfa di Betulla viene raccolta seguendo una tecnica particolare: all’inizio del mese di marzo, durante la montata primaverile, si praticano nelle betulle adulte,che crescono in zone boschive, e di preferenza sulla parte del tronco esposta a sud, alcuni fori a circa un metro da terra, profondi da due a cinque centimetri, leggermente obliqui verso l’alto, nei quali si introduce un tubicino da cui la linfa defluisce nei recipienti posti a terra.

Un tronco di 50 cm di diametro fornisce in quattrogiorni una media di 3-4 litri di linfa.

La raccolta risulta più proficua quando le betulle sono di media grandezza, crescono in luoghi elevati e quando l’inverno è stato rigido.

Curiosità sulla betulla

«Delle betulle non capivo la bellezza; vicino a loro giocavamo in primavera quando scioglieva la neve, senza alzare gli occhi ai loro rami celestiali. E l’uso dei nostri antichi, che a maggio manifestavano il loro amore alle ragazze del villaggio con rami di Betulla appena sbocciati posti davanti agli usci delle loro case, si è perduto a contatto con la civiltà mediterranea» (Rigoni Stern M., Arboreto Salvalico).

Forme farmaceutiche e posologiadella betulla

  • Infuso (foglie): 2-4 g per tazza d’acqua bollente, lasciare in infusione per 10 minuti. Filtrare e bere parecchie tazze al giorno.
  • Polvere: 100 mg per cps in associazione.
  • Estratto fluido: 5-10 g prò die (1 g = 42 gocce).
  • Betula alba T.M.: 40 gocce tre volte al dì.
  • Betula pubescens MG1DH: 50 gocce due volte al dì.
  • Betula verrucosa MG1DH: 50 gocce due volte al dì.
  • Linfa di betulla 1DH: 50 gocce due volte al dì.

Effetti collaterali e controindicazioni della betulla

La letteratura non segnala effetti secondari e tossici alle dosi terapeutiche, a meno che non vi sia una particolare sensibilità individuale.

L’estratto della monografia della Commissione E (1986) segnala di non utilizzare la pianta in presenza di edemi causati da insufficienza cardiaca e /o renale. Esiste una segnalazione che le foglie di Betulla possono causare dermatite da contatto.

Si consiglia vigilanza in caso di assunzione contemporanea di farmaci antiaggreganti piastrinici e anticoagulanti.

Come per tutte le piante ad azione diuretica, prestare attenzione alla contemporanea assunzione di farmaci diuretici (possibile sommazione d’effetto).

Fonte: www.inerboristeria.com

Immagine 003.png

Il cocco: benefici per corpo e salute

Non siamo ancora entrati nella stagione estiva e già sentir parlare dicoccoevoca nella nostra mente sole, spiaggia e mare. Questo delizioso frutto esotico, infatti, è tipico dell’estate anche se è facile trovarlo sul mercato durante tutto l’anno.

Si può mangiare una torta a base di farina di cocco, un gelato al cocco, pietanze al latte di cocco ma anche semplicemente pezzetti di cocco fresco perché questo frutto è molto versatile e si presta a mille preparazioni. Una di queste, per esempio, è l’olio che si ricava dalla polpasecca della noce di cocco. Nonostante il contenuto calorico non proprio basso degli alimenti sopra citati, l’olio del cocco si rivela essere un attimo alleato della salute e della linea.

Igrassiin esso contenuti, infatti, non sono di quelli dannosi per il nostro organismo ma, anzi, diventano indispensabili visto che gli esseri umani non sono in grado di produrli autonomamente. Ecco, allora, che l’esotico olio di cocco va ad affiancare il condimento mediterraneo per eccellenza, l’olio d’oliva, in quanto abeneficiper il nostro organismo:

  • aumenta le difese immunitarie: l’olio contiene, per il circa il 50 per cento, un acido grasso detto acido laurico, fonte di benessere per il corpo. L’unica altra fonte abbondante di acido laurico si trova nel latte materno umano, che protegge il delicato sistema immunitario dei bambini dalle infezioni;
  • è un ottimo condimento in cucina: l’olio di cocco migliora il metabolismo e, come dicevamo, è ricco di acidi grassi che supportano il sistema immunitario. Inoltre, è in grado di rimanere stabile alle alte temperature conservando tutti i suoi benefici e conferendo un sapore leggero e delicato ai cibi cotti;
  • aiuta a perdere peso: l’olio, così come tutti i derivati del cocco, accelerano il metabolismo e aumentano l’attività e l’efficienza tiroidea del 20 per cento. Una tiroide ben funzionante stimola la produzione di energia e, dunque, la perdita di peso;
  • è un antibatterico naturale: l’acido laurico contenuto nell’olio di cocco aiuta il corpo a combattere le infezioni virali o batteriche, e ciò lo rende un ingrediente ideale per gli alimenti fatti in casa.

I vantaggi, inoltre, non si fermano alla salute ma riguardano anche la bellezza. Se correttamente utilizzati, infatti, sia l’olio che illatte di coccodiventano dei preziosicosmetici naturaliper la cura della pelle e dei capelli. Il latte di cocco, per esempio, può essere mischiato all’amido di riso per realizzare un’efficace crema idratante per il viso. Aggiungendovi del miele, invece, potrete creare una maschera per capelli self made.

Immagine 002.png


Proprietà e benefici delle zucchine

 

Le zucchine sono tra le verdure meno caloriche in assoluto: basti pensare che 100 grammi di zucchine apportano solo 11 calorie. E sono anche tra le verdure che si prestano ad essere cucinate in tutti i modi e in tutte le salse (nel vero senso della parola!): grigliate, al forno, gratinate, lesse, saltate in padella, fritte, nella parmigiana, nelle frittate, nei sughetti per condire la pasta, nei minestroni e chi più ne ha più ne metta!
Eppure questo alimento così leggero e digeribile è tanto ipocalorico quanto ricco di proprietà. Innanzitutto si può notare quanto sono salutari dalla loro composizione: ricchissime di potassio (459 mg ogni etto), contengono anche calcio (20 mg), fosforo (90 mg), magnesio (34 mg), vitamina A, vitamina C e acido folico.

Tra le varie funzionalità delle zucchine, ricordiamo le seguenti:

Sono diuretiche: per questo motivo hanno un leggero effetto drenante che aiuta a combattere la ritenzione idrica e quindi anche la cellulite.
Hanno proprietà depurative: per questo motivo vengono in genere consigliate a chi soffre di problemi renali e di infiammazioni ed enteriti.
Sono rinfrescanti.
Hanno un blando effetto lassativo: vanno bene per i problemi di stipsi.
Sono disintossicanti: il loro alto contenuto di acqua le rende utili nelle diete post abbuffate da festeggiamenti varie e bagordi gastronomici.
Sono antinfiammatorie.
Favoriscono l’abbronzatura per l’alto contenuto di vitamina A
Svolgono un’azione antitumorale grazie al contenuto di carotenoidi.

Insomma, queste zucchine tanto sono povere di calorie tanto sono ricche di caratteristiche utilissime per la salute!

Esistono moltissime varietà di zucchine: ci sono quelle dalla forma allungata, quelle rotonde, quelle verdi striate, quelle verdi non striate, quelle tendenti al giallo e quelle più vicine all’arancione. In ogni caso sono tutte una miniera di benessere e di bontà.

Si ricorda inoltre che, pur essendo adatte ad ogni tipo di cottura, mantengono ai massimi livelli tutte le proprietà di cui si è parlato se mangiate crude. A proposito di zucchine crude: sapete che la loro polpa viene utilizzata per maschere idratanti ed emollienti?

Che dire?! Oltre ad una mela al giorno, non facciamoci mancare nemmeno una zucchina!

Fonte: Dietefacili.com

Immagine 027.png

benefici e proprietà del tè verde

 

Il tè verde ha proprietà rilassanti, aiuta ad eliminare o diminuire il mal di testa ed è ottimo per attenuare l’ansia e ridurre lo stress. È anche un buon regolatore gastrointestinale, utile contro la sindrome del colon irritabile e in caso di diarreagastroenteriti ed altri problemi di stomaco.

 

Alcuni dentifrici sono composti da estratti di tè verde, questo è dovuto alle fatto che questo tè ha proprietà che aiutano a proteggere i denti dalla carie. In generale, possiamo dire che il tè verde è un potentissimo antiossidante,

Un’altra caratteristica importante del tè verde, è la sua proprietà diuretica. Si crede inoltre che possa aiutare a prevenire le allergie e ad attenuare l’asmainoltre sembrerebbe avere dei benefici nella cura e nella prevenzione del cancro; i paese in cui viene bevuto assiduamente hanno il più basso tasso di ammalati di tumore al seno, colon, pelle, pancreas, esofago e stomaco.

Un altro dono che il tè verde ci dà è la sua azione benefica nel ridurre il colesterolo cattivo (LDL) e i trigliceridi e la sua azione contro l’alito cattivo 

Consiglio: Persone nervose, o che soffrono di insonnia o di ipertensionedovrebbero bere tè verde a dosi moderate e sempre previa consultazione del proprio medico.

proprietà del thè,the verde,benefici thè

Benefici e proprietà del pompelmo

 

Il pompelmo migliora il metabolismo degli zuccheri: aiuta a bruciare gli zuccheri più in fretta, impedendo che vengano accumulati sotto forma di grassi (cuscinetti di grasso in eccesso). Il succo di pompelmo inoltre riduce il senso di fame e permette di controllare meglio l’ appetito quando si segue una dieta per dimagrire. Il pompelmo è povero di calorie e ricco di vitamina C, che protegge la pelle dall’ azione aggressiva dei raggi solari, migliora la circolazione e potenzia le difese immunitarie.

TUTTI I BENEFICI DEL POMPELMO: l’ estratto di semi di pompelmo come rimedio naturale per piccoli disturbi

Oltre ad inserire il pompelmo fresco nella dieta quotidiana, l’ estratto di semi di pompelmo (in gocce, capsule o tavolette; si trova in erboristeria o in farmacia) ha un potente effetto antibiotico: aiuta a curare piccoli disturbi.

RIMEDIO NATURALE PER LABBRA SCREPOLATE: diluire alcune gocce di estratto di semi di pompelmo in un cucchiaino di olio e usare questo mix per detergere più volte al giorno le labbra.

RIMEDIO NATURALE PER HERPES LABIALE: l’ esposizione al sole, la stanchezza o lo stress possono favorire l’ herpes virus; è possibile intervenire utilizzando un bastoncino di ovatta, tamponando 2-3 volte al giorno la parte colpita con unamiscela di alcune gocce di estrat­to di semi di pompelmo diluite in un cucchiaio d’ olio. 

RIMEDIO NATURALE PER PUNTURE D’ INSETTO: vanno trattate con l’ estratto di semi di pompelmo puro (va diluito in­vece con un pò di acqua o di olio se si ha la pelle sensibile).

RIMEDIO NATURALE PER VAGINITE: aggiungere all’ acqua del bidet alcune gocce di estratto di semi di pompel­mo e di olio di melaleuca. Per una settimana fare delle irrigazioni vaginali aggiun­gendo 1-3 gocce di estratto di semi di pompelmo a 1/4 di litro di acqua calda.

RIMEDIO NATURALE PER MALATTIE DA REFFREDDAMENTO: d’ ‘inverno per il freddo e d’ estate, complice l’ aria condizionata (in ufficio, casa o auto) è facile prendersi un raffreddore o un mal di gola. Per curarlo in modo naturale, si possono prendere 3-15 gocce di estratto di semi di pompelmo 2-3 volte al giorno, diluite in un bicchiere d’ acqua, o un numero corrispondente di tavolette o capsule di estratto di semi di pompelmo, fino alla scom­parsa dei sintomi.

RIMEDIO NATURALE PER INFEZIONI GASTROINTESTINALI: se si è mangiato qualcosa che ha fatto male ed è venuto un improvviso mal di sto­maco o mal di pancia, un rimedio naturale è l’ estratto di semi di pompelmo. Ne vanno prese lo stesso numero di gocce indi­cate per le malattie da raffreddamento (vedi sopra).

Immagine 011.png

Come depurarsi con l’acqua calda e il limone

L’acqua con il limone è un ingrediente chiave di molti programmi e diete per depurare il corpo. L’acqua con il limone si sostiene che aumenti l’alcalinità del corpo, dia sollievo ai problemi di digestione e aumenti il sistema immunitario.

Istruzioni

Riscaldate un bicchiere di acqua portandola all’ebollizione.

Tagliate un limone a metà e spremetene il succo nell’acqua. Non lasciate il limone nell’acqua, poiché potrebbe contenere pesticidi.

Aggiugete del pepe di Cayenna all’acqua e limone per avere un sapore più forte. Potete anche provare a sostituire il lime al limone.

Lavatevi i denti dopo aver bevuto l’acqua e limone, per alleviare l’effetto che l’acidità ha sui denti.

Bevete ogni giorno un bicchiere di acqua calda e limone, così sarete idratati e depurati.

1862973866.png